Agerola

 

Agerola (Ajërl in napoletano) è un comune di poco più di 7000 abitanti, posizionato in una conca sui monti Lattari a circa 600 m s.l.m.m e confinante con i comuni di Amalfi, Positano, Scala e Praiano.

A differenza di questi ultimi, Agerola fa parte della provincia di Napoli, seppure in passato sia stata integralmente parte della Repubblica Amalfitana.
La sua posizione privilegiata – molto prossima alla costiera amalfitana ma allo stesso tempo vicina anche a Pompei, Napoli, Caserta – la rende perfetta come punto di partenza per visitare alcuni dei più importanti siti mondiali.

 

Paese molto tranquillo e piacevole da vivere, Agerola offre una molteplicità sia di paesaggi che di attività da poter svolgere. Offerta Relax

 

Con la sua estesa forma a ferro di cavallo, Agerola permette di godere dai suoi belvedere di San Lazzaro e di Bomerano di una vista panoramica di tutta la Costiera Amalfitana e Sorrentina sino ai faraglioni di Capri ma anche di paesaggi montani dell’entroterra e delle cime dei Monti Lattari, che la cingono alle spalle. Numerosi sono i sentieri montani, oltre all’ormai famosissimo Sentiero degli Dei.

La vocazione agricola del paese ha indotto a far risalire il toponimo al latino ager=campo; tuttavia esiste una seconda ipotesi, avanzata dallo storico Matteo Camera, secondo la quale il nome può anche derivare dalla voce latina aëreus nel senso di “luogo elevato”.

Esiste infine una terza tesi che farebbe derivare il toponimo da Jerula=gerla, forse per la forma a conca dell’altopiano su cui è eretto il paese. E infatti, ancora oggi, Agerola in dialetto agerolese si pronuncia “Ajérl”.

Le prime tracce di presenza umana nel territorio risalgono molto probabilmente alle Prime Età del Ferro.

In epoca romana la zona era ricca di “ville rustiche” soprattutto nella parte pianeggiante, per cui si suppone che fosse ampiamente coltivata data la posizione privilegiata.

In seguito ai danni arrecati dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C., il suolo fu coperto da un metro e mezzo di pomici per cui si registrò un certo spopolamento anche se l’allevamento bovino dovette rimanere florente, tanto che nella seconda metà del II secolo d.C., Galeno, medico di Marco Aurelio e Commodo, nel “De metodo memendi” (V,12) vantava la bontà e le qualità terapeutiche del latte prodotto sui Monti Lattari (Lactarius mons) tanto che Cassiodoro (Variae, XI 10) scriveva tra il 533 ed il 537 d.C. che il re dei Goti aveva ordinato ad un suo servo di ricorrere ai “rimedia lactarii montis”, poiché le cure dei medici non gli giovavano.

Nei secoli centrali del medioevo la conca di Agerola si ripopolò e sviluppò nei suoi 5 casali: Campulo, Memoranum, Planillum, Ponte e San Lazzaro, parallelamente al rifiorire della Costiera e al costituirsi del Ducato Amalfitano. Divenne parte integrante del territorio di Amalfi con cui condivise gli scambi commerciali che la collegavano all’intero Mediterraneo, a Bisanzio e, ovviamente, a Napoli. Divenne sede di una manifattura di tessuti in seta in cui gli agerolesi divennero specializzati.

Nei secoli che seguirono, il comune entrò a far parte del Regno di Napoli di cui seguì le alterne vicende fino all’Unità d’Italia.

Nel settecento Agerola visse un periodo assai prospero, durante il quale si verificò una riduzione delle tasse, un miglioramento delle condizioni economiche, che è attestato dalla crescita esponenziale del numero dei suoi abitanti e dal forte calo del brigantaggio.

La condivisione delle idee ispiratrici della Rivoluzione francese da parte dei nobili agerolesi residenti a Napoli, fecero in modo che Agerola aderisse subito alla costituzione democratica della repubblica partenopea, tanto che venne piantato nello spiazzo antistante la chiesa Madonna di Loreto, nella frazione Campora, un tiglio, simbolo di libertà, che da allora è stato sempre ripiantato.

Nel XIX secolo la figura dominante fu il generale Paolo Avitabile che costruì la sua fortuna servendo prima l’esercito borbonico, poi il Maharajah di Lahore. Nel 1854 il generale ottenne la scissione di Agerola dalla provincia di Salerno (Principato Citeriore) per aggregarla a quella di Napoli. La città venne separata dal territorio di Amalfi con cui aveva condiviso secoli di storia e restò ad esso collegato solo attraverso l’arcidiocesi.

Ad oggi, Agerola conserva ancora la sua vocazione agricola ed è famosa per la produzione del fiordilatte. Prodotti tipici – quali il pomodorino del Piennolo, il pane biscotto ed il provolone del Monaco doc – sono reperibili in ogni salumeria del paese.

Punti di interesse del paese sono la Colonia Montana – ove sorgeva il castello del Generale Avitabile, poi trasformato durante il fascismo in colonia estiva per i ragazzi – il Castello Lauritano, il Palazzo Acampora. Offerta Relax